sabato 22 giugno 2013

Il Segreto Della Libreria Sempre Aperta di Robin Sloan - Recensione

Protagonista del romanzo una libreria e un mistero che avvolge quei luoghi magici e misteriosi. Non mancano colpi di scena e storie d’amore, insomma gli ingredienti di un successo Robin Sloan pare conoscerli proprio tutti. Un mix esplosivo che i lettori sembrano gradire particolarmente. La crisi è arrivata anche nella splendida e ricca San Francisco e ha investito come un urugano Clay Jannon, un affermato web designer, un uomo curioso e sempre pieno di idee. A restare senza una lira e senza lavoro, Clay Jannon proprio non ci sta e così si inventa di tutto. Ma una strana e fortunata coincidenza lo fa atterrare proprio al posto giusto: una libreria. Un luogo un po’ strano, dove Clay viene assunto immediatamente per il turno di notte. Quel posto è a dir poco assurdo, è bizzarro e bastano pochi giorni al ragazzo per rendersene conto. Pochi clienti ma affezionati, a loro volta, strani allo stesso modo: uomini e donne che frequentano la libreria senza mai acquistare nulla, si limitano a consultare e prendere in presto vecchi volumi, il più delle volte collocati su scaffali irraggiungibili. Ed è a quel punto che Clay capisce che si tratta di una non-libreria, quel negozio, infatti, sarà sicuramente una copertura, dietro ci sarà qualche attività misteriosa. Clay si butta a capofitto in un’analisi spietata per scoprirne di più: osservare i comportamenti e gli usi dei clienti, degli avventori. Per farlo, coinvolge i suoi amici, nerd e di sucesso, geni di google e capaci di poter svelare i misteri che si celano dietro a quella libreria.

E quando alla fine si decide a confidarsi con il proprietario della libreria, il signor Penumbra, scoprirà che il mistero va ben oltre i confini angusti del negozio in cui lavora.

Fra secolari codici misteriosi, società segrete, pergamene antiche e motori di ricerca, con intelligenza, ritmo e umorismo, Robin Sloan ha cesellato un romanzo d’amore e d’avventura sui libri per i lettori del ventunesimo secolo.


A cura di S.L.

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento